Internet Kaffeee: intervista a Nicoletta di Travel Naples

interviste

Ritorna l’appuntamento con Internet Kaffeee, ospite del nostro salotto questa volta è Nicoletta de Vita di Travel Naples, che insieme a Roberto (ndr: ciao Roberto!) ed altri si occupa di promuovere la città di De Filippo attraverso il web.

Quando avete iniziato con questo progetto e perchè?

Travel Naples è nato nel 2014, quando in città è iniziato un vero boom del turismo. L’idea è nata da molte situazioni in cui abbiamo assistito a scene dove i turisti chiedevano informazioni ai passanti su cosa vedere, su quale treno prendere o quali erano gli ingredienti della pizza che volevano ordinare.
Il turista quindi, una volta arrivato a Napoli è disorientato ed è stato in quel momento che in noi è nata la consapevolezza di dover contribuire in qualcosa, creando così un portale turistico di riferimento per chiunque abbia voglia di visitare la città. Il nostro concept è stato quello di creare delle guide interattive, scaribili gratuitamente su Ipad e smartphone, realizzate interamente da napoletani. Il formato che ci è sembrato più idoneo è quello dell’Epub, grazie all’ausilio di mappe e funzionalità interattive, il turista potrà consultare l’itinerario scelto in qualsiasi momento e senza connettersi alla rete. Le guide hanno numerose funzionalità ed ogni itinerario è caraterizzato oltre dal materiale informativo su monumenti e luoghi d’interesse anche da consigli utili su dove mangiare, fare shopping, stare all’aria aperta ecc.

Inoltre ci piaceva l’idea di dare una mano concretamente, essendo un gruppo di giovani con esperienze in comunicazione e turismo. La creatività fin dall’inizio non ci è mancata e la voglia nel realizzarlo è stata una sfida per tutti noi.

Quali sono le prossime iniziative di Travel Naples?

Abbiamo tanti eventi ed idee in cantiere per questa estate. Sia per i napoletani che vogliono scoprire itinerari insoliti della propria città sia per i turisti in transito a Napoli. Seguiteci su www.travelnaples.it/en e su la nostra pagina Facebookper scoprire cosa abbiamo in mente!

Che consigli dareste ad un imprenditore del settore Hospitality che volesse migliorare il suo approccio al Web Marketing?

Consiglierei sicuramente quello di aprirsi di più al mondo del social media marketing per migliorare la propria Brand Reputation anche attraverso i feedback dei clienti, anzi credo che valorizzare l’esperienze dei turisti nella propria struttura sia proprio la chiave essenziale per essere competitivi sul mercato. Attraverso i feedback che possono essere sia recensioni che commenti, i potenziali clienti sono più stimolati a prenotare ma soprattutto possono capire se la struttura fa al caso loro o meno. Una recensione negativa può essere trasformata in risorsa, comprendendo gli aspetti negativi del soggiorno e migliorare i servizi.
Ed in questo i social sono uno strumento efficace per mettere in contatto l’azienda con i potenziali turisti. Un altro consiglio che potrei dare è quello di dar valore alle foto o ai contenuti multimediali realizzati dai clienti, creando campagne social coinvolgendo gli utenti con la propria esperienza. Inoltre, un altro aspetto importante è saper comunicare in modo corretto il proprio brand e di affidarsi nel caso, a dei professionisti per farlo.

Il vostro format è adattabile anche in altri territori? Che suggerimenti dareste a chi vuole iniziare?

Il nostro progetto è adattabile a qualsiasi città che abbia qualcosa da raccontare. Ogni città è diversa ma ci sono sempre quartieri inesplorati e non battuti dal turismo di massa che possono essere raccontati e valorizzati. Inizialmente consiglierei di studiare bene le cosa proporre al turista e soprattutto come comunicarlo e di aprirsi ad altre associazioni, aziende o realtà con lo stesso scopo, in modo tale da creare una “rete turistica” che sappia soddisfare i potenziali clienti o utenti per vivere l’esperienza in città a 360°.

Grazie ragazzi per la piacevole chiacchierata, un saluto a tutto lo staff

Grazie a te

Articolo precedente
Internet Kaffeee!!! con Ilario Gobbi
Articolo successivo
4 chiacchiere con Chiara Sciannamè
Menu