I numeri del turismo a Vieste, focus sul 2021

studi

Sulla falsa riga di quanto fatto negli articoli dedicati al turismo a Vieste nel 2018, 2019 e 2020, di seguito andremo ad analizzare i dati dei flussi turistici 2021 della cittadina Garganica,  una delle località turistiche più importanti del panorama italiano, al primo posto in Puglia per numero di presenze.
Nel 2021 ci sono state oltre 1.960.00 presenze e 300.000 arrivi, con una permanenza media di 6,46 giorni.

I dati analizzati

I dati elaborati di seguito sono quelli ufficiali, relativi al solo comune di Vieste nel 2019, gentilmente inviati dall’osservatorio della Regione Puglia.
In allegato trovate il report originale.

Per orientarvi sulla divisione delle varie tipologie di struttura ricettive ai sensi della normativa Regionale vi consiglio di consultare la tavola di classificazione.

I dati non possono tenere conto :

  • Dell’offerta ricettiva sommersa, sia presso privati irregolari, sia presso strutture ricettive che omettono la denuncia delle presenze.
  • Delle presenze presso gli appartamenti privati regolarmente locati secondo la normativa della locazione turistica breve. Dal 2020 anche queste realtà hanno l’obbligo della registrazione degli ospiti sul portale dell’osservatorio statistico, ma i dati stranamente non sono conteggiati.

Le variazioni con l’anno precedente

Rispetto al 2019 (che useremo come confronto visto che il 2020 è stato influenzato pesantemente dalla pandemia) si è avuto il +2,81% arrivi e il +2,24% presenze, lievi variazioni che confermano il trend degli ultimi anni.

Provenienza dei visitatori

Anche quest’anno gli italiani rappresentano la stragrande maggioranza dei visitatori, con l’85 % circa degli arrivi e delle presenze sul totale.
Rispetto al 2019 gli stranieri dimuniscono (forse per gli effetti delle restrizioni e del clima di incertezza), con -23% di arrivi e -12% presenze.

Presenze italiani Vs. Stranieri

  • Italiani
  • Stranieri

Distribuzione nelle varie tipologie di strutture

Vieste ha un’offerta turistica molto ampia e variegata. Anche nel 2021 la quota di mercato più grande è quella degli appartamenti in strutture grandi (villaggi, campeggi, residenze turistico alberghiere), seguita dagli Hotel.
Molte presenze anche nelle case vacanza mentre i B&B, gli affittacamere e gli agriturismi, anche se in aumento negli ultimi anni, sono poco diffusi rispetto alla media regionale.

Presenze per tipologia di struttura

  • Alberghi & co.
  • B&B & co.
  • Case Vacanze e piccoli residence
  • Campeggi, Villaggi & co.
  • Agriturismi

Gli Hotel

Gli alberghi raggiungono quasi il 24% delle presenze totali, con il 34,5% degli arrivi.
Rispetto alla media comunale negli hotel si effettuano mediamente soggiorni più brevi con 4,48 giorni.
Rispetto al 2019 si è registrato un calo del 6% sugli arrivi e del 1,8% delle presenze. A mancare soprattutto gli stranieri che rappresentano un  segmento importante per questo tipo di attività.
NB. In questa categoria non ho inserito le Residenze turistiche Alberghiere di cui parliamo di seguito.

Campeggi, Villaggi e Residenze Turistico Alberghiere

In queste tipologie ricadono gran parte delle strutture del territorio che offrono appartamenti autonomi come bungalow, villette e grandi spazi aperti.
Sommati rappresentano il 66,7% delle presenze e il 53,1% degli arrivi.
In questo macro-settore i soggiorni sono più lunghi (8,1 giorni di media), riuscendo meglio ad intercettare chi cerca le classiche vacanze balneari di 1 o 2 settimane.
Rispetto all’anno 2019 abbiamo un +8,45% arrivi e -2,29% presenze.

Le Case Vacanza

In questa nomenclatura ricadono molto spesso piccole strutture con meno di 10 appartamenti, come piccoli residence in campagna o appartamenti in un piano di condominio.
Raggiungono il 7% delle presenze totali, con una durata media del soggiorno di 6,15 giorni.
Rispetto al 2019, questo segmento ha avuto un incremento importante, con +24,5% di arrivi e +10,8% di presenze.

I B&B e gli Affittacamere

I B&B e gli affittacamere raggiungono il 4,3% degli arrivi e l’ 1,9% delle presenze
Queste 2 tipologie hanno una durata del soggiorno media di 2,8 giorni, sotto la media, ma riescono a ben intercettare il turismo straniero (6,7% degli arrivi dall’estero soggiornano in questo tipo di strutture.

Buone le performance rispetto al 2019, con +24% arrivi  e +35% di presenze.

Agriturismi

Gli alloggi agrituristici raggiungono  lo 0,41% delle presenze e il 0,54% degli arrivi, essendoci pochissime strutture ricadenti in questa categoria.
Ottimo però il confronto con il 2019, +63% arrivi e +69% presenze.

Conclusioni

I dati sono perfettamente in linea con quanto registrato negli ultimi 10 anni, escludendo l’anno terribile del 2020, che però sembra essere definivamente alle spalle.
Bene le strutture piccole, perdono terreno gli Hotel, ma questo è un trend internazionale.

Articolo precedente
Indagine: Vieste e i suoi ospiti. Edizione 2021
Menu